Commenti sui superiori sopra una chat verso Whatsapp, il Tar della Sardegna respinge il ricorso di un ufficiale contro la penitenza

Commenti sui superiori sopra una chat verso Whatsapp, il Tar della Sardegna respinge il ricorso di un ufficiale contro la penitenza

Sacerdozio dell’Economia e delle Finanze, guida vago, interregionale e locale della Guardia di patrimonio hanno ritenuti “lesivi del prestigio di ufficiali di piacere capo, evocativi di una superficiale condizione di inaffidabilita del contesto di servizio cui l’interessato e ceto destinato”

Leggi Anche

Guai a parlar sofferenza di un capo, men affinche fuorche lasciarsi avviarsi per mezzo di un collega verso commenti breve lusinghieri con una chat su Whatsapp. Scopo puo sbucare affinche i messaggi varchino i confini ristretti della annuncio ritenuta, scaltro verso quel periodo, fidata e riservata. Il provvedimento regolare, in quel fatto siti incontri detenuti, e durante tranello e non si puo nemmeno chiamare la assicurazione fisico della delicatezza della comunicazione privata. Prima di tutto in quale momento si appartiene a un gruppo valere. Lo sa adeguatamente un tenente colonnello della custode di fondi il come si e convalida respingere, dai giudici del Tar Sardegna, il contestazione (bravura catalogo generale 26 del 2021) presentato addosso la approvazione disciplinare in quanto potrebbe costargli penalita nel punto verso l’avanzamento di velocita.

Dell’ufficiale durante argomento si sa affinche era guida di una sede disponibile non soddisfacentemente specificata (complesso e sede di prodotto sono oscurati nella motto pronunciata lo trascorso 16 febbraio e pubblicata da qualche periodo) e perche e status destinatario del “rimprovero” in un fatto evento nel 2020. Nello particolare: aver prospero una colloquio su Whatsapp per mezzo di una collaboratore di grado basso, inoltrando una sequela di messaggi contenenti commenti, valutazioni, suggerimenti cosicche ministero dell’Economia e delle Finanze, amministrazione generale, interregionale e regionale della custodia di denaro hanno ritenuti “lesivi del popolarita di ufficiali di rango eccelso, evocativi di una superficiale circostanza di inaffidabilita del situazione di servizio cui l’interessato e ceto destinato”. Non soltanto: “tesi verso minare il condizione atmosferica preparatorio e la letizia del individuale investito ai reparti del disposizione regionale della Sardegna”.

Simo ta Cesaroni, “riaperte le indagini, interrogati precisamente diversi testimoni”

Confidenze pericolose, sebbene prive di contenuto effettivamente ingiurioso, perche l’ufficiale ha facilmente avvenimento nutrendo assoluta sicurezza nei confronti della destinataria. E, dubbio, dimenticandosi degli obblighi per sporgenza ai militari poiche (che viene ricordato nella massima del corpo presieduto dal critico Dante D’Alessio e fatto addirittura dai magistrati Gabriele Serra e Oscar Marongiu) il “Testo unico delle disposizioni regolamentari”, proporzionato alle “Comunicazioni dei militari” prevede in quanto “ogni milite debba assegnare sollecita pubblicazione al corretto controllo oppure istituzione degli eventi durante cui e rimasto immischiato e cosicche possono avere riflessi sul servizio”.

Sistemazione affinche, piuttosto, la destinataria dei messaggi ha ricordato per mezzo di operosita. Parecchio perche – che si norma ora nella sentenza – l’acquisizione della conversazione e avvenuta sopra forma del incluso corretto. Ossia: “attraverso apposite relazioni di servizio prodotte dall’altro interlocutore perche ha partecipato alla chat”. Il giacche ha fatto crollare le contestazioni contenute nel ricorso del tenente colonnello, tra cui il evento che si trattasse di “una dialogo di struttura privata svoltasi al di fuori di chat di sforzo ovvero ufficiali, privo di affinche pero sia dato istruzione che non solo venuta a conoscenza del Comando”. Non ha neppure indiscutibile la assunto giacche le opinioni espresse non risultassero “in alcuna estensione idonee a arrecare quei fatti indicati nel disposizione, quali offesa del reputazione di ufficiali e durante generale minacciare il clima organizzativo del dipartimento, mancando pero riferimenti verso soggetti specifici ovvero alcuna critica nei confronti dell’ambiente di lavoro”.

I giudici fanno un distinzione prestigioso sopra merito al accaduto giacche i messaggi con le nuove forme di comunicazione (ove non inoltrati a una infinita di persone ma unicamente agli iscritti ad un generato branco come nelle chat private ovverosia chiuse) debbano risiedere considerati alla misura della somiglianza privata, finale e inviolabile: “Non appare adattabile al fatto di meraviglia appartenente la ammenda punitivo adottata nell’ambito dell’ordinamento militare”. Neppure ha rilevanza l’assenza di moderato offensivo affinche, appena scrivono i giudici del Tar Sardegna: “e anzi adeguato per arrecare, in spirituale, gli eventi citati, la istruzione ed semplice dell’interlocutrice del ricorrente, perche concernente al gruppo milite e dell’ufficiale di grado superiore”.

Leave a comment

Your email address will not be published.